Criminal Activities è un film di Jackie Earle Haley del 2015 e lo si può capire facilmente dalla perfetta digitalizzazione di John Travolta che sembra quasi reale… oppure quest’ultima affermazione si potrebbe leggere anche in un altro modo: John Travolta è talmente rifatto, parruccato e truccato che sembra quasi il personaggio di un videogioco più che un attore in carne ed ossa…

Comunque… la storia è piuttosto complessa ed articolata e alcune volte si perde il filo logico della vicenda, non che faccia una grande differenza perchè vedere le ghigne di Travolta che lotta contro il botox e prova a fare delle smorfie senza far saltare via i punti e muovere il parrucchino, valgono da soli la pena della visione del film.

Gli altri attori coinvolti sono completamente anonimi e potevano essere ridotti drasticamente di numero perchè servono come i ghiaccioli agli esquimesi. Per fortuna il finale ribalta completamente l’andazzo dell’intera pellicola e salva in extremis un palese tentativo di imitare film di successo come “Le iene” o “Pulp Fiction“.

Il regista è al suo esordio, perchè è un attore con una certa carriera alle spalle ed è presente anche in questo suo film con un personaggio veramente controverso. Però l’unico augurio che può venire in mente guardando Criminal Activities è: torna a fare l’attore per favore.

Adesso so che state pensando che devo fare il bastardo per forza e che non mi piace mai nulla ma non è così… mi piace recensire film “brutti”. Oooooooh, quante cose avrei da dire sui film italiani!!!! Troppo facile però.

Quindi sulle pagine di UNIVERSAL MOVIES vi invito a richiedermi recensioni di atrocità che avete il dubbio se guardare o meno, calcolando che sono un fottuto masochista, questo l’indirizzo info@universalmovies.it

Alla prossima gente!