Questa è la recensione di Jumanji - Benvenuti nella Giungla, il film diretto da Jack Kasdan. Nel cast Dwayne Johnson, Jack Black, Kevin Hart, Nick Jonas e Karen Gillan.

Il film è divertente e non ha momenti di pausa, il regista è riuscito a far godere al pubblico ogni istante dei 120 minuti della durata della pellicola. Diciamo subito che ci troviamo di fronte ad un sequel del Jumanji del 1995 dove l’unico elemento collegante è il gioco stesso, non è stato fatto quindi un remake od un reboot, dove il confronto con Robin Williams non sarebbe stato facile.

L'originale Jumanji del 1995 terminava con la scatola del gioco seminascosta nella sabbia che col suo caratteristico suono di tamburi attirava nuove vittime. Da quella scena parte la nuova avventura.

L’idea di base viene quindi traportata fino ai giorni nostri ma viene adattata ad un pubblico moderno ed ad una realtà virtuale che sempre più ci circonda. Ecco quindi che il gioco da tavolo “decide” di trasformarsi in un videogame, con tanto di cartuccia come si usava a fine anni ’90 ed ecco che non abbiamo elementi del gioco portati sul piano reale ma giocatori trasformati in avatar e digitalizzati.

La storia di base non ha molti punti di contatto con la trama del primo film, possiamo trovare delle similitudini con il fatto che il primo giocatore entra nel gioco e “sparisce” per un certo numero di anni e per la necessità di dover concludere il gioco per poterne uscire. Abbandonati quindi i dadi e presi in mano i joystick i protagonisti si troveranno a dover fare i conti con le varie situazioni che si presenteranno loro, fino ad arrivare ad una sorta di “livello finale”. Si passa quindi da uno schema simile a quello del gioco dell’oca ad un più accattivante multilevel che incontrerà i favori degli appassionati di videogiochi.

Il film, come il suo predecessore, non vuole ambire al gotha del cinema mondiale ma si propone come una spassosa commedia ricca di colpi di scena e sequenze spettacolari. Il film farà contenti i nuovi spettatori e accontenterà chi ha vissuto le avventure del 1995, operazione che non era riuscita con Zathura.

Gli interpreti si calano appieno nei personaggi e risultano credibili e spassosi. Karen Gillan, strappa un discreto numero di risate sia nelle performance di lotta sia in quelle “sensuali”. Kevin Hart è un “gigante” nelle situazioni comiche del film, Dwayne Johnson si cala benissimo nei panni del Nerd impacciato ed essendo (nella vita reale) un mago dei videogiochi è quello che aiuta gli altri a capire i meccanismi e le trappole di Jumanji. Jack Black è esuberante nel ruolo di una ragazza nei panni di “un uomo in sovrappeso di mezza età”, un Malgioglio di oltreoceano.

Una menzione speciale ai PNG (personaggi non giocanti) che creano situazioni comiche inattese.

Jumanji - Benvenuti nella Giungla
  • Alessio Bucci
4