Tutti i giorni, per molte ore al giorno, noi di Universal Movies vediamo tantissimi film per consigliarvi al meglio nelle vostre scelte cinematografiche, ecco quindi un nuovo appuntamento con la rubrica La Bottega del Cineasta.

Speriamo che possa servirvi e che possa divertirvi.

  • Batman V Superman di Zack Snyder – Dopo tantissima attesa e tantissime parole il seguito di Man of steel è uscito ed è un film grandioso. Ottimo sotto tutti gli aspetti. Bellissima storia, ottimi effetti speciali, un Superman sempre più simile a Gesù, Batman azzeccato e Wonder Woman mozzafiato. Uniche pecche: Jesse Eisenberg che sembra voglia imitare Robert Carlyle in Once upon a time e il minutaggio, sarebbe stato da accorciare un po’. Ha diviso completamente il pubblico e affossato ingiustamente dalla critica che si aspettava un film “alla Marvel”, ma la DC è un’altra cosa. Decisamente per un pubblico maturo. Voto: 8
  • Zootropolis di Byron Howard, Rich Moore e Jared Bush – Il film inizia come tanti film Disney, simpatico, carino, pieno di trovate, poi, più procede, più ti accorgi che c’è un sottotesto per niente banale e molto attinente ai tempi difficili che stiamo vivendo. Politicamente intriso, il film non perde un grammo in leggerezza e sicuramente i bambini si saranno divertiti un mondo. I maestri Disney hanno creato più mondi in cui perdersi e di cui vorresti esplorare ogni angolo. Bellissimo. Voto: 8
  • Creature del cielo di Peter Jackson – Primo film “maturo” dell’altrove fantasioso Peter Jackson che racconta una storia vera ambientata nell’Australia di qualche anno fa. Il film si segnala anche per una delle prime interpretazioni di Kate Winslet ma è Melanie Lynskey che buca lo schermo e disegna una ragazza sempre sotto vuoto spinto che non sai se adorare o odiare. Le due amiche assassine corrono per tutto il film, mescolando ricostruzioni storiche e voli fantasiosi. Bellissimi effetti speciali artigianali e, anche qui, qualche minuto in meno avrebbe giovato. Voto: 7
  • Il laureato di Mike Nichols – Film cult degli anni ’60 che lanciò l’allora giovane Dustin Hoffman e confermò l’immenso talento di Anne Bancroft, il film appare invecchiato tantissimo, perdendo un po’ quella carica eversiva che ora fa solo sorridere. A fronte di una seconda parte a tratti noiosa e prolissa, il film ha una prima parte fantastica con tutta la parte del corteggiamento di Mrs. Robinson verso l’inetto Ben. Da imparate a memoria ogni scena con la Bancroft che, anche solo nei movimenti più piccoli, riesce ad esprimere una valanga di sensazioni. Voto: 7

Ecco per voi qualche trailer:

[youtube]https://www.youtube.com/watch?v=4YtTamLG62g[/youtube]

[youtube]https://www.youtube.com/watch?v=tDuYLbnFjMg[/youtube]

[youtube]https://www.youtube.com/watch?v=NPNvauIEt1M[/youtube]