Continua la lunga ed impervia fase di pre-produzione di The Irishman, il prossimo film diretto da Martin Scorsese tratto dal romanzo firmato da Charles Brandt dal titolo I heard You paint a Houses.

Secondo gli ultimi aggiornamenti pare che in The Irishman la tecnologia avrà un ruolo cardine, almeno riguardo la recitazione di uno dei mostri sacri di Hollywood, sarà infatti Robert De Niro colui che beneficerà della tecnologia per tornare giovane in alcune sequenze del film di Scorsese.

Ecco le dichiarazioni del produttore Gaston Pavlovich:

“Si tratta di una straordinaria tecnologia. Non si usano protesi, make-up, si possono usare le parti recitate e la tecnologia può mostrare gli attori in diverse fasi della vita. Abbiamo visto dei test ed è straordinario. Abbiamo potuto filmare Bob e semplicemente realizzare una scena e l’abbiamo vista come se avesse 20, 40, 60 anni. Non vediamo l’ora di lavorare a The Irishman… Provate a immaginare che aspetto aveva De Niro all’epoca del film Il padrino – Parte seconda, è più o meno come lo rivedrete.”

The Irishman si basa sul libro di Charles Brandt dal titolo I heard You paint a Houses, storia sul letto di morte del killer mafioso Frank “Irishman” Sheeran e sulla scomparsa e morte di Jimmy Hoffa. Ad adattare il romanzo per il grande schermo sarà Steven Zaillian.

Sheeran è stato un membro della famiglia criminale Bufalino ed è diventato confidente di Hoffa. Stando al suo racconto, Hoffa era stato portato in una casa vicino al ristorante Red Fox (dove era stato visto l’ultima volta) dove è stato colpito con due colpi di pistola, poi cremato in un’impresa di pompe funebri.

Nel cast oltre a Robert De Niro, dovrebbero figurare anche Al Pacino e Joe Pesci.