“In articulo mortis” è un romanzo scritto da Michael Segal, reperibile su Amazon, da cui lo stesso autore ha tratto la sceneggiatura per un lungometraggio. Il 9 e 10 gennaio si sono tenute a Ferrara le riprese del teaser trailer dirette da Ivan Zuccon, al suo ritorno dietro la macchina da presa dopo 7 film distribuiti in tutto il mondo e 4 anni di assenza, passati a lavorare direttamente con Pupi Avati.

Michael Segal è uno degli attori di cinema indipendente più quotati al momento ed è reduce dalla vittoria come miglior attore non protagonista al Best Shorts Competition di Los Angeles che equivale agli Oscar per i cortometraggi.

Nel cast del trailer destinato a diventare un film entro il 2016, troviamo oltre allo stesso Segal che ha ormai 40 film all’attivo, Roberto D’antona (l’attore più premiato della storia del cinema italiano), Annamaria Lorusso (regista ed attrice vincitrice di numerosi concorsi internazionali), Roberto Ciasca (direttore artistico di miss Italia e personaggio televisivo Rai), Roberta Sparta (attrice americana e modella californiana), David White (attore inglese che da anni vive e lavora a Roma), Mirko D’antona (attore pugliese già visto in film internazionali e nella serie TV johnny), la cantante di Amici, Silvia Boreale, l’undicenne Ethan Segal figlio di Michael, l’israeliano Oren Krimschansky, la popolare dj Svizzera Flavia Sabatino già vista al cinema e ospite della trasmissione Uomini e Donne ed il talentuoso youtuber Andrea Baglio che continua a vincere premi su Raiuno.

Nel cast ci sarà anche Il cameo di un attore di Hollywood o forse addirittura 3 che per il momento hanno chiesto di rimanere anonimi. Il trucco sarà curato da Yenny Rosales (direttamente da Gomorra) e gli effetti digitali saranno realizzati da Francesco Longo (fresco fresco di vincita di un concorso a San Diego con il suo Skizophrenia).

Le musiche sono state affidate all’artista Aurora Rochez. Il film tratta la storia di Dante, un poliziotto di Atlanta devastato psicologicamente dalla perdita della moglie e del figlio in un incidente nel quale però acquisisce la capacità extrasensoriale di poter assorbire i residui di violenza presenti nel luogo di un omicidio efferato e rivivere i momenti al momento della morte (in articulo mortis appunto) come spettatore etereo ed incorporeo. Questa capacità, potenziata da una speciale droga preparata dal collega Virgil, lo rende particolarmente efficace ogni qual volta la scientifica di trova in difficoltà.

Tra colleghi che lo odiano e la privazione del sonno che Dante evita come la peste a causa degli incubi terrificanti che vive quando si addormenta, Il suo fragile equilibrio mentale viene messo a dura prova quando si imbatte in un assassino brutale che possiede i suoi stessi poteri e lo sfida ad una caccia all’uomo in questo mondo e in quello delle visioni, dimostrando al poliziotto che dietro ai crimini si cela qualcosa di molto più insidioso è pericoloso di un essere umano convenzionale.

Questa la pagina Facebook

https://www.facebook.com/In-articulo-mortis-The-movie-1553912338264399/