Il pasticcio degli Oscar ha un responsabile, e l’Academy si scusa ufficialmente

Brian Cullinan. Questo è il nome del responsabile che ha causato il tremendo pasticcio che ha illuso La La Land salvo poi far vincere a Moonlight l’Oscar come miglior film. Come vi abbiamo spiegato ieri nell’articolo dedicato, la questione riguarda la consegna della busta sbagliata a Warren Beatty, ma oggi sono saltate fuori nuove informazioni che aggravano ulteriormente la posizione di Cullinan a seguito dell’inchiesta aperta. Ecco perché.

Brian Cullinan era uno dei due portabuste contenenti i nomi dei vincitori che stava sul lato del palco opposto alla sua collega che aveva l’altra valigetta con le copie esatte delle buste. Cullinan ha quindi consegnato la busta sbagliata a Beatty e questo perché era impegnato a postare foto sul suo profilo Twitter ritraenti i vincitori appena giunti nel backstage dopo aver ricevuto la statuetta, perdendo così di vista il vero motivo per cui si trovava lì. Il fatto si aggrava se si considera che Cullinan aveva postato il tweet col nome del film vincitore appena prima che venisse annunciato – tweet in seguito rimosso.

Come accennato ieri, la PriceWaterhouse Cooper – la società che si occupa di far arrivare le buste alla cerimonia – si è pubblicamente scusata dell’accaduto, ma oggi è direttamente l’Academy a pubblicare ufficialmente le sue scuse con un comunicato:

“Ci scusiamo profondamente per gli errori commessi al momento dell’annuncio del Miglior film durante la cerimonia degli Oscar. Ci scusiamo con tutto il cast e la troupe di La La Land e Moonlight, le cui esperienze sono state profondamente modificate dall’errore. Riconosciamo anche l’incredibile eleganza con cui essi hanno affrontato le circostanze. Ci scusiamo con tutte le persone  — inclusi i nostri presentatori Warren Beatty e Faye Dunaway, i registi, e i nostri fan che stavano guardando lo show in tutto il mondo. Negli ultimi 83 anni, l’Academy ha incaricato PwC di gestire il processo di raccolta dei voti, incluso l’accurato rilascio dei risultati. PwC si è presa l’intera responsabilità per le violazioni dei protocolli stabiliti avvenuti durante la cerimonia. Abbiamo trascorso la scorsa notte a indagare le circostanze, decideremo presto quali provvedimenti prendere a riguardo. Siamo impegnati fermamente nel mantenimento dell’integrità degli Oscar e dell’Academy.”

Una svista, un errore causato dall’incessabile voglia di essere al centro dei social network. Brian Cullinan si è reso così protagonista dell’evento più memorabile della storia degli Academy Awards, ma per il motivo sbagliato. Ora, per lui, le conseguenze dovute al suo gesto saranno molto serie.

 

Lascia un Commento...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: