Abbiamo visto la seconda stagione di Ash VS Evil Dead, la serie tv ideata e prodotta da Sam Raimi e interpretata da Bruce Campbell, nei panni nuovamente del mitico Ash Williams.

Nel sempre più ampio e variegato panorama delle serie TV continuano ad essere sfornati prodotti di grande qualità in cui sia gli aspetti tecnici che artistici possono essere equiparati a quelli dei film destinati al grande schermo. Spesso e volentieri il merito di tale livello qualitativo è dato da una solida sceneggiatura che, avvalendosi dell’ampio arco temporale offerto dal formato seriale, riesce ad approfondire personaggi e storyline minori riuscendo così ad aggiungere dettagli capaci di rapire l’attenzione dello spettatore. Può dunque una serie televisiva riuscire ad elevarsi rispetto alla media pur mettendo in secondo piano la verosomiglianza contestuale e la logicità? Se ci troviamo davanti ad “Ash Vs Evil Dead” la risposta non può che essere si!!!

La seconda stagione riprende da dove si era fermata la prima, portando Ash, interpretato dal sempre magistrale Bruce Campbell, e i suoi amici a Elk Grove, città natale del nostro eroe, ormai diventata asilo delle forze del male.

Il livello di spettacolarità e l’eccellente connubio tra horror e ironia che facevano da motore trainante della prima magnifica stagione riescono a rinnovarsi e a trovare nuova linfa in “Ash Vs Evil Dead 2” garantendo allo spettatore ritmo e divertimento. Come già detto qualche riga più su la logica e la verosomiglianza, nonché la coerenza narrativa di determinati sviluppi della trama, passano in secondo piano rispetto all’azione che, supportata da ingegnosi trucchi registici e da geniali invenzioni grottesche, tiene incollato il fruitore della serie alla poltrona.

Il gore e la truculenza toccano probabilmente lo zenit dell’attuale panorama cinetelevisivo ma riescono a non risultare mai fuori luogo grazie alle già citate massicce dosi di ironia e agli stravaganti effetti speciali che danno vita a creature demoniache tra le più bizzarre e mostruose mai viste sul piccolo schermo.

Non mancano, inoltre, elementi in grado di far strizzare l’occhio ai fan della saga cinematografica de “La casa”, quali il ritorno di alcuni personaggi, i continui rimandi e le svariate autocitazioni. Conquistano sempre di più il cuore i due compagni di avventura di Ash: la talentuosa Dana DeLorenzo, che riesce a interpretare il personaggio di Kelly donandogli maggiore spessore e maturità, e il simpatico Pablo, interpretato da Ray Santiago. Anche le figure secondarie e quelle minori, tra i cui interpreti figurano volti conosciuti nella cinematografia di Sam Raimi come il fratello Ted, risultano riuscite.

Insomma, se dopo la prima spettacolare stagione le aspettative per questa seconda erano diventate altissime, dopo averla vista non possiamo che ritenerle ampiamente soddisfatte, attendendo, con trepidazione, le prossime infernali battaglie del folle Ash.

Il Nostro Verdetto 8.5

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.