Il botteghino del Sundance Film Festival (19-29 gennaio), evento voluto e organizzato da Robert Redford dedicato alla cinematografia indipendente, è stato vittima di un attacco informatico che ha messo fuori uso il servizio di biglietteria per un certo periodo di tempo.

Nonostante l'attacco, le proiezioni sono proseguite secondo programma - come ribadito via twitter dai funzionari del festival -  anche se i disagi, soprattutto per i possessori di biglietti e pass, non sono mancati. Entro quaranta minuti, comunque, il festival è riuscito a riportare online il botteghino di Salt Lake City, come anche i server per il servizio di biglietteria.

Per la prima volta nella sua storia, il Sundance Film Festival ha unito i film presentati con un'etichetta, "New Climate", ovvero affrontando il delicato tema del cambiamento climatico e della tutela dell'ambiente: sarà per questo motivo, scomodo a qualcuno, che il festival è stato preso di mira dagli hacker? O la causa va cercata nel discorso anti Trump fatto da Redford al momento dell'inaugurazione di questa edizione?

Fonte: The Wrap

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.