Il caldo sembra aver allentato la morsa sul nostro Belpaese, motivo in più per trascorrere qualche serata al cinema, come quella di ieri sera, giorno inaugurale del Cinema2Day che ha riscosso un enorme successo. Proiettandoci invece verso il weekend che ci attende, diamo uno sguardo alle nuove uscite.

Cominciamo subito col tanto atteso Alla ricerca di Dory (Finding Dory), il sequel targato Disney-Pixar di Alla ricerca di Nemo, diretto sempre da Andrew Stanton. Stavolta sarà Dory ad essere protagonista di un viaggio che attraversa l’intero Oceano Pacifico alla ricerca dei suoi genitori; in sua compagnia, ovviamente, anche Nemo e Marlin. Che dire, il film ha fatto sfracelli al botteghino americano ma, cosa più importante, è riuscito a convincere anche la critica (cosa inusuale per un sequel, soprattutto visti gli ultimi prodotti in casa Pixar).

Direttamente dalla 73. Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica di Venezia arrivano due film italiani. Questi giorni, presentato in concorso, è il film di Giuseppe Piccioni che ha ricevuto un’accoglienza tiepida al Lido (come anche gli altri due film italiani in concorso): il pubblico potrebbe dargli una seconda occasione (leggete qui la nostra recensione).

L’altro film, presentato fuori concorso, è L’estate addosso di Gabrele Muccino che ritorna alla commedia giovanilistica/adolescenziale degli esordi, dopo gli ultimi flop made in Hollywood. Forse nulla di nuovo in termini di contenuto, ma un prodotto in grado di avvicinarsi a una fascia di pubblico sempre più restia ad accettare questo tipo di cinema.

Offrendo un’altra grande prova attoriale, Jake Gyllenhaal è protagonista accanto a Naomi Watts di Demolition, diretto da Jean-Marc Vallée, nei panni di un uomo che fatica a ritrovare la serenità dopo la perdita della moglie; un reclamo a una società di distributori darà il via a una serie di lettere che arrivano nelle mani di Karen, responsabile del servizio clienti. Tra i due nascerà un legame profondo. Un melodramma un po’ vecchio stampo di cui potete leggere qui la nostra recensione.

Se siete alla ricerca di documentari, ma soprattutto se siete appassionati di musica, eccovi The Beatles: Eight Days a Week, il documentario sui Fab Four diretto da Ron Howard (qui la nostra recensione in anteprima). Il documentario ripercorre l’intera carriera del gruppo di Liverpool, dagli esordi fino all’epica conclusione, attraverso rari filmati inediti e spezzoni di concerti, il tutto per riproporre il genio musicale dei Beatles. Da integrare, poi, con George Harrison: Living in the Material World di Martin Scorsese.

Infine la commedia. Trafficanti (War Dogs) è il film di Todd Phillips con protagonista l’inedita coppia Miles Teller/Jonah Hill nei panni di due amici che, durante la Guerra in Iraq, sfruttano un’iniziativa semi-segreta del governo U.S.A e avviano un’attività relativa ai contratti dell’esercito. Molto presto, però, la situazione sfuggirà loro di mano quando si uniranno a un affare da 300 milioni per armare i militari afghani… Un soggetto quasi sorprendente se non fosse che il tutto è ispirato a fatti realmente accaduti.