Dietro il fascino e il glamour della Mecca del cinema si nascondono sempre fantasmi che nessuno vorrebbe mai conoscere, e da oggi anche Harvey Weinstein ne sa qualcosa. Il produttore e socio fondatore della Weinstein Company (insieme al fratello Bob) è stato infatti licenziato dalla sua società dopo le rivelazioni del New York Times su accuse di molestie sessuali.

La società ha emesso un comunicato che non lascia adito a interpretazioni alcune:

"Alla luce di nuove informazioni circa la condotta di Harvey Weinstein che sono emerse negli ultimi giorni, i direttori di The Weinstein Company - Robert Weinstein, Lance Maerov, Richard Koenigsberg e Tarak Ben Ammar - hanno determinato, e hanno informato Harvey Weinstein, che il suo impiego con The Weinstein Company è concluso, con effetto immediato".

Le molestie sessuali coprirebbero un periodo di circa trent'anni e tra le accusatrici ci sarebbero addirittura Ashley Judd e Rose McGowan.

Harvey Weinstein ha rilasciato anch'esso un comunicato in cui cerca di spegnere l'incendio:

"Sono consapevole che il modo con cui mi sono comportato con alcuni colleghi in passato ha causato molto dolore e chiedo scusa".

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.