Nel vortice impazzito dello scandalo violenze sessuali ad Hollywood ci finisce da stasera anche Charlie Sheen, attore ora 52enne noto per film del calibro di Platoon e Wall Street.

A quanto pare Charlie Sheen è finito al centro dell’attenzione per una violenza sessuale ai danni di un ragazzino di 13 anni. A lanciare la bomba è stato un articolo del National Enquirer in cui vengono riportate le parole dell’attore Dominick Brascia, testimone di un rapporto sessuale tra l’attore Corey Haim (deceduto nel 2010) e Charlie Sheen sul set del film Lucas nel 1986, all’epoca della violenza sessuale i due avevano rispettivamente 13 anni e 19 anni.

Ecco le parole di Brascia:

“[Haim] Mi ha detto che aveva avuto un rapporto sessuale con Sheen durante le riprese. Mi ha raccontato che avevano fumato erba e fatto sesso anale. Haim mi aveva confidato che dopo quanto accaduto Sheen è diventato molto freddo e lo ha respinto. Quando Corey voleva stare di nuovo insieme, Charlie non era interessato.”

Come parziale conferma dell’accaduto, nel libro dell’attore Corey Feldman, dal titolo Coreyography: A Memoir, venivano riportate parole molto simili, sempre relative alla persona di Corey Haim:

“Un adulto lo aveva convinto che fosse perfettamente normale per uomini più anziani e ragazzi più giovani che lavoravano nel settore avere dei rapporti sessuali.”

Il National Enquirer rivela inoltre di aver contattato una decina di persone informate sui fatti, le quali sembrano aver confermato tutte l’accaduto.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.