Fabrique du Cinéma Awards: Alessandra Mastronardi madrina dell’edizione 2020

L’attrice Alessandra Mastronardi sarà la madrina dell’edizione 2020 di Fabrique du Cinéma Awards, l’evento che si svolgerà a Roma il prossimo 12 dicembre.

Dopo l’annucio di Matt Dillon come presidente di Giuria, la celebre rivista Fabrique du Cinéma ha virato su un’artista di successo italiana. La Mastronardi è infatti nata artisticamente con la sit-com tutta italiana I Cesaroni, ma all’attivo ha anche diverse esperienze hollywoodiane, tra cui quelle note di To Rome with Love di Woody Allen e Life di Anton Corbijn.

Qui di seguito il comunicato ufficiale:

Sarà Alessandra Mastronardi la madrina della sesta edizione dei Fabrique du Cinéma Awards, il premio indetto dalla rivista «Fabrique du Cinéma» per i cineasti innovativi di tutto il mondo, la cui cerimonia di premiazione si svolgerà a Roma il 12 dicembre 2020.

Alessandra Mastronardi va a chiudere la giuria prestigiosa guidata dall’attore e regista Matt Dilllon, che prende il testimone dei Fabrique du Cinéma Awards dopo Willem Dafoe (edizione 2017) e Paul Haggis (edizioni 2018 e 2019).

Giovane attrice di talento, Alessandra Mastronardi ha saputo costruire la sua carriera con attenzione affermandosi con le serie I Cesaroni, L’allieva e il successo mondiale de I Medici. Ha all’attivo anche importanti collaborazioni all’estero, come la serie cult Masters of None e i film To Rome with Love di Woody Allen e Life di Anton Corbijn. La sua vocazione internazionale e l’attenzione per i progetti di qualità in cui si impegna ne fanno l’artista ideale per rappresentare i Fabrique du Cinéma Awards.

Di altissimo livello anche tutti gli altri componenti della giuria: i pluripremiati registi Fabio e Damiano D’Innocenzo (La terra dell’abbastanza e Favolacce), la sceneggiatrice Ludovica Rampoldi (Il traditore, Il ragazzo invisibile, Gomorra), l’editor e scrittrice Paola Gaglianone, il musicista Cristiano Godano (leader della storica band Marlene Kuntz), il regista e documentarista Gianfranco Pannone (Lascia stare i santi, Sul vulcano).

Dodici le sezioni dei Fabrique du Cinéma Awards: Lungometraggio internazionale, Cortometraggio Italiano, Cortometraggio straniero, Concept di serie TV, Serie TV internazionale, Documentario, Opera prima italiana, Opera italiana innovativa e sperimentale, Sceneggiatura, Attore rivelazione, Attrice rivelazione e Colonna sonora. In palio premi in denaro, contratti di produzione e di distribuzione sulle piattaforme digitali internazionali.

La grande novità dell’edizione 2020 è lo spazio riservato alle serie TV, con ben due riconoscimenti: Miglior Concept di serie TV e Miglior Serie TV internazionale. In questo modo i Fabrique du Cinéma Awards si aprono al mondo della narrazione seriale, sempre più ricco di sperimentazioni in ogni parte del mondo e all’avanguardia nello stile e nei contenuti.

Quest’anno, a presiedere la commissione che avrà il compito di valutare le opere in concorso, sarà l’attore e regista statunitense Matt Dillon.

Alessandra Mastronardi per Fabrique du Cinema

Lascia un Commento...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: