Il dado è oramai tratto, il licenziamento di James Gunn non poteva che portare a questa conseguenza: la produzione di Guardiani della Galassia 3 è stata fermata.

Nella giornata odierna Walt Disney Company ha fatto sapere di aver fermato ufficialmente la produzione di Guardiani della Galassia vol. 3, senza però fare riferimento alla possibilità di cancellazione del progetto. Ufficialmente Disney e Marvel Studios si prendono una pausa per rimettere a posto le idee, in maniera tale da riorganizzarsi e ripartire poi con un nuovo regista.

Questa era l'unica possibile soluzione. Le riprese erano previste per l'inizio del 2019, mentre la release fissata per maggio 2020, una programmazione praticamente impossibile da rispettare senza un regista. Ed ora cosa succederà? Beh, senza date da rispettare, Disney e Marvel potranno andare avanti senza pressioni, cercare un regista idoneo al progetto, magari Taika Waititi - per alcune fonti già in lizza per il ruolo -, e continuare poi con lo sviluppo senza intoppi. Nel frattempo cast and crew potranno impegnarsi in altri progetti, e non rimanere congelati in attesa di novità. Cosa buona e giusta.

James Gunn era stato licenziato dalla Disney dopo che alcune dichiarazioni “politicamente scorrette”, datate una decina di anni fa, erano emerse sul web. Di recente, durante un incontro a tre tra Disney-Marvel-Gunn, era stata confermata definitivamente la decisione di non andare avanti con la collaborazione. Ora James Gunn potrà accordarsi con gli studios rivali, magari con Warner Bros. Pictures in relazione al Worlds of DC (ex DC Extended Universe).

A noi non resta che attendere nuovi aggiornamenti.

Fonte: SHH

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.