Solo una decina di giorni fa abbiamo realizzato un post in cui Chris Evans, parlando con Esquire, sembrava più che certo di dare il suo addio al ruolo di Captain America dopo la chiusura del suo contratto con i Marvel Studios, ma come spesso succede in questi casi, il condizionale è sempre di obbligo.

Intervistato da Collider in merito al tour promozionale di Gifted, l'attore Chris Evans, pur confermando la chiusura del contratto dopo Avengers 4, ha rivelato di essere aperto al rinnovo, ovviamente se i Marvel Studios dovessero chiederglielo:

"Non dipende da me. Il mio contratto sta per finire. Non ho intenzione di stare qui e dire: ‘Basta’. Penso che Hugh Jackman abbia fatto 47 film su Wolverine e, in qualche modo, continuano a migliorare. [Captain America] è un personaggio che amo, e la Marvel è una fabbrica che sa veramente quello che fa. Il sistema è solido. Fanno grandi film. Se non producessero prodotti di qualità, avrei un'opinione diversa. Tutto quello che fa la Marvel sembra luccicare d’oro. L’unico motivo per cui smetterei è perchè il mio contratto sta scadendo. Dopo Avengers 4, il mio contratto è finito. Parlate con la Marvel. Se ci impegniamo ad andare oltre, sarei aperto. Amo il personaggio. E’ quasi come andare al liceo. Pensi sempre all’ultimo anno, e poi, tutto ad un tratto, ti ritrovi all’ultimo anno e pensi 'Non so se sono pronto ad andarmene'. E’ dura pensare di non dover più interpretarlo."

Quello di Chris Evans non sarà l'unico contratto a scadere dopo Avengers 4, lo stesso discorso potrebbe presto essere raccolto da Chris Hemsworth riguardo il suo Thor, senza dimenticare Robert Downey jr, vero perno del Marvel Cinematic Universe, ma nello stesso tempo in perenne sottile equilibrio riguardo il suo addio.