Weekend da incorniciare per Clint Eastwood ed il suo Sully nel Box Office Usa, il biopic incentrato sul disastro aereo avvenuto nel fiume Hudson ha infatti perso pochissimo rispetto al weekend d’esordio, mettendo dietro new entries come Blair Witch e Bridget Jones’s Baby.

Nel suo secondo weekend di programmazione nel mercato nordamericano, Sully ha incassato altri 22 milioni netti per un totale che sale a quota 70,54 milioni di dollari, la tenuta è risultata ottima visto che parliamo di un misero -37%, e ad oggi il costo del budget è stato tranquillamente recuperato solo negli Usa, si parla infatti di un film da 60 milioni.

Basso, ma assolutamente non rispetto al costo del budget (5 milioni), si è rivelato l’incasso di Blair Witch, l’horror ha infatti esordito con 9,65 milioni ed oggi sembra lontanissimo il paragone con il primo capitolo capace di incassare complessivamente 140 milioni solo negli Usa e ben 248 milioni Worldwide.

Chi ha floppato di brutto è stato Bridget Jones’s Baby ed il tutto nonostante le buone recensioni. Il terzo capitolo della saga dedicata ai guai amorosi della povera Bridget ha esordito con 8,24 milioni, ma d’altronde parliamo di una saga poco apprezzata dagli americani, l’esordio più alto infatti risulta essere quello fatto registrare dal primo capitolo con la bellezza di soli 10 milioni incassati.

Esordio sotto le aspettative anche per lo Snowden di Oliver Stone, il biopic ha infatti incassato solo 8,02 milioni su di un budget di 40 milioni.