Il tira e molla tra l’entourage di Daniel Craig e MGM/EON per il ritorno “milionario” dell’attore nell’iconico ruolo di James Bond per Bond 25 sembra davvero andare per le lunghe, proprio per questo pare che in futuro possa prospettarsi l’ipotesi universo condiviso.

Utilizzando il solito tweet rivelatorio, il super blogger Jeff Sneider ha riportato sul web alcune voci riguardanti la volontà di Barbara Broccoli e Michael G. Wilson (i produttori della saga) di aprire un universo cinematografico condiviso dedicato ai personaggi presenti nei romanzi di Ian Fleming.

E’ fin troppo chiaro che il difficoltoso rinnovo del contratto di Daniel Craig sta portando scompiglio nei piani di MGM ed Eon Productions, entrambe desiderose di mettere fieno in cascina, e sfruttare l’onda positiva di una saga che negli ultimi anni sta regalando soddisfazioni al botteghino. Realizzare uno spin-off potrebbe dare quella spinta fondamentale per dare sfogo all’intero materiale romanzesco di Fleming e sbloccare questa impasse produttiva che vige dall’uscita in sala di Spectre. Ma avere un film su Bond senza James Bond potrebbe pagare al cinema? Non dimentichiamo che la stessa operazione è stata effettuata per una saga di spionaggio dedicata ad un’altra celebre spia dei romanzi (Jason Bourne), i risultati in quell’occasione non sono stati per nulla confortanti, The Bourne Legacy, questo il titolo dello spin-off, si è rivelato un completo buco nell’acqua.

Nel mostrarvi il tweet di Sneider, vi ricordiamo che al momento Bond 25 è stato solo annunciato, ma non esiste una data di rilascio, ne un regista, ne uno sceneggiatore e si attende la conferma di Daniel Craig.