Quattro film che hanno partecipato ai workshop di Final Cut in Venice sono stati selezionati al Festival di Berlino 2017 (9-19 febbraio), tra i quali Félicité di Alain Gomis (Francia, Senegal) in Concorso.

Final Cut in Venice è il progetto che dal 2013 sostiene la postproduzione di film provenienti dai paesi africani e da Giordania, Iraq, Libano, Palestina e Siria, nell’ambito del Venice Production Bridge della Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica di Venezia.

I film selezionati alla Berlinale provenienti da Final Cut in Venice 2016 sono:

· Félicité di Alain Gomis (Francia, Senegal) in Concorso;

· The Wound di John Trengove (Sudafrica) in Panorama;

· Istiyad Ashbah (Ghost Hunting) di Raed Andoni (Francia, Palestina, Svizzera, Qatar) in Panorama Dokumenta.

Il film selezionato alla Berlinale da Final Cut in Venice 2015 è Tigmi Nigren (The House in the Fields) di Tala Hadid (Marocco, Qatar) al Forum.

Il workshop Final Cut in Venice, insieme all’European Gap-Financing Market, è uno dei progetti avviati dal Venice Production Bridge della Mostra del Cinema di Venezia, diretta da Alberto Barbera e organizzata dalla Biennale presieduta da Paolo Baratta.

Final Cut in Venice intende dare un aiuto concreto al completamento dei film provenienti dai paesi africani e dalla Giordania, dall'Iraq, dal Libano, dalla Palestina e dalla Siria: dare un'opportunità ai loro produttori e registi di presentare i film in lavorazione a operatori e distributori internazionali con lo scopo di facilitarne la post-produzione, promuovere eventuali partnership di coproduzione e l'accesso al mercato.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.