Avengers: Endgame è il 22° film del Marvel Cinematic Universe, diretto dai fratelli Russo. Questa è la recensione senza spoiler.

Diretto dai fratelli Russo (Anthony e Joe), il film conta su un cast colossale formato da Chris Evans, Robert Downey jr, Chris Hemsworth, Jeremy Renner, Scarlet Johansson, Mark Ruffalo, Paul Rudd, Don Cheadle e Josh Brolin.

Lo schiocco delle dita di Thanos in Avengers: Infinity Warha sterminato la metà delle vite nell'intero universo. Captain America ed i Vendicatori rimasti in vita cercano in modo per battersi ancora con il Titano Pazzo, sperando di poter rimettere tutto al proprio posto con le Gemme dell'Infinito.

Il Commento

Sono passati 11 anni dall'avvio del franchise noto come MCU, e nel frattempo sono stati distribuiti la bellezza di 21 film, ognuno più o meno collegato all'altro da una narrazione atta a creare un'unica magnifica tela. A Kevin Feige (CEO Marvel Studios) va dato il merito di aver creduto in questo mastodontico progetto, fornendo mezzi, idee, e perchè no, anche scegliendo registi ed interpreti tra i migliori sulla piazza. E questo lungo ed avvincente percorso ha portato pubblico ed addetti ai lavori fino ad Avengers: Endgame, un film che non possiamo non considerare l'epilogo perfetto ad una storia lunga oltre un decennio.

Riuscire a migliorare la qualità - e l'apprezzamento di fan e critica - ottenuta con Avengers: Infinity War era forse la sfida più difficile. Il finale scioccante ammirato dopo lo schiocco di dita di Thanos è stato forse il momento emotivamente più affascinante dell'intero franchise, e proprio per questo il lavoro dei fratelli Russo svolto per Avengers: Endgame va solo elogiato.

Non c'è scelta nel film non azzeccata. Umorismo, intrattenimento, commozione e riferimenti alla cultura pop, sono solo alcuni dei punti di forza di un film estremamente riuscito. I fratelli Russo, col supporto in cabina di sceneggiatura di Christopher Markus e Stephen McFeely, hanno ricreato i presupposti per ricredersi, e pensare che in fondo Infinity War non era altro che un prologo spettacolare ad un finale (Endgame) perfetto.

Il film dei Russo si è dimostrato capace di sprigionare una carica emotiva inimmaginabile, e questo per una durata di ben 3 ore. Il livello di intrattenimento è da considerare più unico che raro, con l'azione ben intervallata da quei momenti goliardici tanto amati dai fan Marvel. Ma a dominare la scena non poteva non essere la battaglia finale: una sequenza colossale che rimarrà per sempre nella storia della cinematografia mondiale. Oltre 30 minuti di combattimenti corpo a corpo, esplosioni, emozionanti sorprese, e momenti in cui si farà fatica a contenere le lacrime. L'epilogo della pellicola è poi destinato a fare storia: tante sequenze post-credits ben calibrate all'interno della fluida narrazione di Endgame, che apriranno tantissimi scenari per il futuro del Marvel Cinematic Universe. (Vedere per Credere). Chi vi scrive è si amante del genere, ma ciononostante oggettivamente lucido nel considerare questo film, un finale perfetto per il primo decennio di Marvel.

La scelta della versione in IMAX 3D è forse l'unica possibile per un film di questa portata, e noi siamo lieti di potervi consigliare - una volta in più - che spendere anche qualche euro in più per questa tecnologia, alla fine paga. Immagini nitide, profondità panoramiche straordinariamente accurate, ed un suono digitale mai così perfetto. Insomma, Avengers: Endgame è nato per l'IMAX 3D.

Un'ultima disamina va fatta al cast, unico come sempre per i Marvel movies. Chris Evans, Robert Downey e Jeremy Renner hanno dimostrato come sempre classe da vendere. Chris Hemsworth ha oramai indirizzato il suo Thor verso una nuova dimensione, fatta di azione e divertimento. Josh Brolin (Thanos) e Mark Ruffalo (Hulk) si sono dimostrati ancora una volta bravissimi col motion capture. Bene anche Scarlett Johansson.


... a proposito, la scene post-credits è assente, per la prima volta dopo 21 pellicole, ma una sorpresa per i fan è comunque celata nei titoli di coda.


Avengers: Endgame
4.5

In Breve

Sono passati 11 anni dall’avvio del franchise noto come MCU, e nel frattempo sono stati distribuiti la bellezza di 21 film, ognuno straordinariamente collegato all’altro da una narrazione atta a creare un’unica magnifica tela. A Kevin Feige (CEO Marvel Studios) va dato il merito di aver creduto in questo mastodontico progetto, fornendo mezzi, idee, e perchè no, anche scegliendo registi ed interpreti tra i migliori sulla piazza. Questo lungo ed avvincente percorso ha portato pubblico ed addetti ai lavori fino ad Avengers: Endgame, un film che non possiamo non considerare l’epilogo perfetto ad una storia lunga oltre un decennio.