Tutti gli articoli di John Tag

Alex Kurtzman alla guida del franchise Star Trek sino al 2026

Alex Kurtzman ha concluso un accordo con CBS Studios che lo legherà alla guida del franchise televisivo di Star Trek sino al 2026.

L’accordo, del valore stimato in circa 150 milioni di dollari, tra Alex Kurtzman, la sua casa di produzione Secret Hideout e CBS Studios da allo studio i diritti esclusivi sui progetti dell’azienda per tutte le piattaforme, incluso un adattamento in serie del racconto di Stephen King “The New York Times at Bargain Rates“, ma soprattutto conferma il produttore al timone del longevo franchise televisivo di quel fantastico Universo originariamente creato da Gene Roddenberry.

Ricordiamo che Alex Kurtzman ha contribuito alla rinascita cinematografica di Star Trek, inoltre grazie a Star Trek: Discovery ha rilanciato, inizialmente in compagnia di Bryan Fuller, anche la saga televisiva.

Attualmente sono in produzione e in itinere diversi progetti Trek: il 13 agosto debutterà sul servizio streaming di Amazon Prime la seconda stagione della serie animata Lower Decks, inoltre siamo in attesa della quarta stagione di Discovery, della seconda stagione di Picard, senza voler dimenticare l’attesissimo debutto di Strange New Worlds e della serie animata per bambini Prodigy, oltre all’annuncio dell’inizio della produzione dello Spin Off Sezione 31.

Fonte: Deadline

Ecco il trailer della seconda stagione di See, la serie Apple TV+ con Jason Momoa

Da pochissimo online il trailer e la locandina della seconda stagione di See, la serie post-apocalittica firmata Apple TV+ con Jason Momoa, Dave Bautista e Alfre Woodard tra i protagonisti.


Giova ricordare che la prima stagione di See, disponibile in streaming su Apple TV+, è ambientata in un futuro distopico in cui gli esseri umani, tornati ad una esistenza primitiva e brutale, hanno perso il senso della vista. La sua seconda stagione, composta da 8 episodi, seguirà Baba Voss, interpretato da Jason Momoa, nella sua lotta per riunire e proteggere la propria famiglia mentre incombe minacciosa la guerra tra il Regno di Paya e la Repubblica Trivantiana. Nonostante gli sforzi di Baba Voss, sua moglie e i suoi figli vengono portati in prima linea nel conflitto. Qui verranno notati dal fratello Edo Voss, interpretato da Dave Bautista, diventato un potente e astuto generale trivantiano, il cui odio verso il proprio fratello metterà ancora più in pericolo i familiari di Baba.

See 2

See 2 è Prodotta da Chernin Entertainment e Endeavour Content. fungono da produttori esecutivi Steven Knight, Francis Lawrence, Peter Chernin, Jenno Topping, Jim Rowe e Jonathan Tropper, quest’ultimo ricopre anche il ruolo di showrunner.

Nel cast, oltre a Jason Momoa, Dave Bautista e Alfre Woodard, ritroviamo Eden Epstein, Tom Mison, Hoon Lee, Olivia Cheng, David Hewlett e Tamara Tunie.

See 2 sarà disponibile su Apple TV+ a partire dal 27 agosto prossimo, con cadenza settimanale.

Ecco il trailer della seconda stagione di See, la serie Apple TV+ con Jason Momoa 1

Il trailer di Mad God, il film in stop motion del leggendario Phil Tippett

Da poco online il trailer e il poster di Mad God, l’horror movie realizzato totalmente in stop motion dalla leggenda del VFX Phil Tippett, tra i cui crediti annoveriamo Star Wars, la saga di Robocop, Jurassic Park, Tremors 2, la saga di Twilight, Starship Troopers e un’infinità di altre produzioni cinematografiche.

Nulla ancora è trapelato relativamente alla trama di Mad God la cui produzione è durata, tra lunghissime pause, circa un trentennio. Infatti Phil Tippett iniziò a lavorare su questo “horror sperimentale” già nel 1990, dopo aver prestato la sua attività per il film Robocop 2. Cessò di dedicarsi alla realizzazione di Mad God nel 1992, durante la produzione di Jurassic Parc, dopo che comprese che lo tecnica dello stop motion, da lì a poco, sarebbe stata abbandonata in favore del CGI.

Tippett riprese a lavorare sul progetto grazie all’insistenza di un suo collega, il quale vide alcune delle sue straordinarie realizzazioni oramai messe da parte. Quindi, grazie ad una campagna Kickstarter, l’artista VFX realizzo nel 2014 un primo corto intitolato Mad God part 1, successivamente nel 2015 realizzo una seconda parte, infine nel 2018 il capitolo finale. Con l’inizio della pandemia di Covid-19, Phil Tippett ha trovato il tempo per concentrarsi totalmente sul progetto iniziale, riuscendo così a concludere l’enorme lavoro necessario per realizzare questo complesso lungometraggio.

Mad God sarà presentato in anteprima al Locarno Film Festival il 5 agosto prossimo.


Il trailer di Zone 414, il thriller sci-fi con Guy Pearce e Matilda Lutz

Saban Film ha da pochissimo rilasciato il trailer e il poster di Zone 414, il thriller fantascientifico con Guy Pearce e Matilda Lutz tra i protagonisti principali.

Zone 414 è ambientato in un futuro in cui Guy Pearce veste i panni di David Carmichael, un investigatore privato incaricato di rintracciare una ragazza scomparsa. In questo compito è affiancato da Jane, un’Intelligenza Artificiale interpretata da Matilda Lutz. Questa la sinossi ufficiale.

Guy Pearce, Matilda Lutz e Travis Fimmel recitano nel thriller fantascientifico ambientato nella Zona 414, una pericolosa e oscura colonia di umanoidi conosciuta come “la città dei robot”. Il creatore della colonia (Fimmel) assume l’investigatore privato David Carmichael (Pearce) per rintracciare sua figlia scomparsa. David fa squadra con Jane (Lutz), un’IA altamente avanzata dotata della stessa tecnologia dei suoi compagni umanoidi, ma con tutte le emozioni, i sentimenti e i sogni di un essere umano. Viaggiano attraverso la città scoprendo indizi e un crimine che mette in discussione le origini e il vero scopo dietro la città degli umani artificiali.

Il film è stato diretto da Andrew Baird su una sceneggiatura scritta da Bryan Edward Hill. Nel cast oltre a Guy Pearce e Matilda Lutz trovano spazio Jonathan ArisTravis Fimmel,  Jóhannes Haukur JóhannessonOlwen Fouéré, Colin Salmon, Antonia Campbell-HughesJorin Cooke e Holly Demaine.

Zone 414 sarà distribuito negli USA in VOD e in alcune sale selezionate a partire dal 3 settembre prossimo. Non si hanno notizie riguardo la sua distribuzione anche nel nostro Paese.


Genesis: esplorazione planetaria e viaggio nel tempo in un emozionante short movie

Con l’emozionante short Genesis torna Indie Movie Star, la nostra rubrica dedicata all’eterogeneo e vasto universo “Indie” dove, tra l’altro, proponiamo ai nostri lettori cortometraggi anche a carattere fantascientifico che noi di Universal Movies riteniamo interessanti e, comunque, degni di nota.

Questa emozionante breve animazione segue le vicende del suo protagonista, un simpatico “Cane Robot” programmato per l’esplorazione planetaria, questa la trama.

In un futuro imprecisato una navicella raggiunge la superficie di un pianeta sconosciuto. Per iniziare la propria missione esplorativa, dal lander esce un piccolo robot dalle sembianze di un docile cagnolino. Durante il suo percorso il robottino scopre un artefatto che lo trasporta indietro nel tempo, in un passato in cui il pianeta era ancora lussureggiante e ricco di vita. In questo luogo di un passato indefinito il nostro amico, prima che il suo ciclo funzionale termini, stringe amicizia con una lucertolina. Nella dimensione temporale originaria il lander è costretto a ripartire orfano della sua unità esplorativa che, purtroppo, vediamo ridotta ad un rottame accasciata sul suolo arido del pianeta.

Genesis e stato prodotto da Costantin Kormann, il quale ha curato anche la direzione artistica del progetto. Nick Panting ha realizzato gli ambienti, mentre l’animazione è a cura di Sina Hartmann e Marco Hörnchen. David Lautermann ha realizzato il design dei veicoli e Robin Odasso è il responsabile del montaggio.

Ora vi lasciamo alla visione di Genesis.


Covid-19: niente cinema se non hai il Green Pass

Purtroppo la pandemia da Covid-19 non sembra arrestarsi e ultimamente, a causa della Variante Delta e di alcuni comportamenti non sempre attenti da parte della popolazione, sembra che il virus abbia rialzato la testa.

Ha iniziato la Francia e ieri, dopo numerose polemiche e dibattiti televisivi, anche il nostro Governo, nella persona del Primo Ministro Mario Draghi, ha annunciato le nuove regole in materia di contenimento del Covid-19, regole che saranno in vigore a partire dal prossimo 6 agosto.

Il Green Pass sarà quindi lo strumento necessario per poter accedere nei ristoranti, bar (eslcuso il servizio al bancone), teatri, cinema, palestre, piscine, parchi dei divertimenti, centri termali, centri sociali e ricreativi al chiuso, sale gioco/scommesse/bingo/casinò, concorsi pubblici. Altri provvedimenti saranno annunciati prossimamente, e potranno interessare ulteriori attività, non eslcuso il trasporto pubblico.

Mario Draghi è stato categorico nel ritenere queste regole assolutamente necessarie per evitare che una nuova ondata di contagi possa arrivare qui in Italia, come è già successo per molti altri Paesi. Il Decreto, ancora non pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale, è stato annunciato con largo anticipo al fine di permettere agli esercenti dei locali pubblici e ai titolari delle attività interessate di organizzarsi in merito. In particolare per i cinema, e i locali adibiti a spettacoli in genere, questo Decreto non modifica le capienze già fissate, pertanto:

In zona bianca e in zona gialla, gli spettacoli aperti al pubblico in sale teatrali, sale da concerto, sale cinematografiche, locali di intrattenimento e musica dal vivo e in altri locali o spazi anche all’aperto, sono svolti esclusivamente con posti a sedere preassegnati e a condizione che sia assicurato il rispetto della distanza interpersonale di almeno un metro sia per gli spettatori che non siano abitualmente conviventi, sia per il personale, e l’accesso è consentito esclusivamente ai soggetti muniti di una delle certificazioni verdi Covid-19.

In zona bianca, la capienza consentita non può essere superiore al 50 per cento di quella massima autorizzata all’aperto e al 25 per cento al chiuso nel caso di eventi con un numero di spettatori superiore rispettivamente a 5.000 all’aperto e 2.500 al chiuso.

“In zona gialla la capienza consentita non può essere superiore al 50 per cento di quella massima autorizzata e il numero massimo di spettatori non può comunque essere superiore a 2.500 per gli spettacoli all’aperto e a 1.000 per gli spettacoli in luoghi chiusi, per ogni singola sala. Le attività devono svolgersi nel rispetto di linee guida adottate.

Il Green Pass può essere ottenuto già alla prima dose del vaccino, o con un tampone di esito negativo effettuato non oltre le 48 ore, o dimostrando di essere guarito dal Covid-19 non oltre i 6 mesi. Gli esercenti e i gestori delle attività interessate dovranno verificare, nel rispetto della privacy attraverso una applicazione ministeriale chiamata VerificaC19, il possesso del Green Pass effettuando la scansione del QR Code.

Fonte governativa

Diane Amedu-John è la shorunner della serie prequel Dune: The Sisterhood

Diane Amedu-John è stata individuata da HBO Max quale nuova showrunner di Dune: The Sisterhood, la serie prequel dell’ultima trasposizione cinematografica di Dune, di cui ieri abbiamo presentato il final trailer.

Diane Amedu-John, oltre a fungere da showrunner, sarà anche sceneggiatrice della serie TV, subentrando così alla figura di Jon Spaihts, il quale ha abbandonato il suo precedente ruolo per dedicarsi totalmente al secondo capitolo, se mai ci sarà, della saga cinematografica.

Dune: The Sisterhood

La serie sarà prodotta da Legendary Television e Villeneuve Films, e destinata direttamente al nuovo servizio di streaming di WarnerMedia. Denis Villeneuve dirigerà il pilot della serie, Diane Amedu-John oltre a ricoprire il ruolo di showrunner curerà anche la sceneggiatura dello spettacolo.

Dune: The Sisterhood sarà ambientata nel mondo creato da Frank Herbert e verrà raccontata attraverso gli occhi di un misterioso ordine di donne noto come Bene Gesserit. Dotate di straordinarie abilità sia fisiche che mentali, le Bene Gesserit si destreggiano abilmente attraverso la politica feudale e gli intrighi dell’Impero, ordendo trame che arriveranno a condurle nell’enigmatico pianeta Arrakis, noto ai propri abitanti come Dune.

La distribuzione è attesa attraverso il servizio di streaming di WarnerMedia, ma anche grazie HBO Max.

Fonte: Deadline

Neill Blomkamp parla dello stato dei lavori relativi al suo District 10

Lo scorso febbraio Neill Blomkamp con un tweet annunciava di essere al lavoro su District 10, sequel di District 9, il suo cult sci-fi del 2009. Ora, attraverso un’intervista sul sito IGN, ha voluto rivelare maggiori dettagli sul suo nuovo progetto.

In District 9, film che riprende e amplia i contenuti di un corto del 2005 dello stesso regista intitolato Alive in Joburg, viene esplorato il gravissimo problema della segregazione razziale, le stesse problematiche che verranno probabilmente sviscerate in maniera approfondita nel sequel in lavorazione, queste le parole di Neill Blomkamp:

Stiamo continuando a scrivere la sceneggiatura. Sta venendo bene. Ci sono voluti circa 10 anni per capire il da farsi, per cercare una vera motivazione sul perché realizzare questo film, invece di fare un semplice sequel. Esiste questo argomento nella storia americana che è davvero adatto al mondo di District 10 e ci è sembrato uno straordinario motivo per un sequel. Per cui sì: lo sviluppo continua e ci stiamo avvicinando sempre di più a farlo”.

Ricordiamo che District 9, metafora fantascientifica di situazioni più reali, racconta di una navicella aliena che tenta un atterraggio di fortuna nella periferia di Johannesburg. Ben presto gli alieni vengono ghettizzati e costretti in una area a loro riservata: il “Distretto 9”. Purtroppo questa condizione è causa di odio raziale e intolleranza degli abitanti della metropoli sudafricana nei confronti degli “stranieri“, i quali diventano manovalanza per le varie organizzazioni criminali.


The Orville 3: chi è la Guest Star misteriosa?

Seth MacFarlane, come sappiamo, è abbastanza arido nel rilasciare anticipazioni dei suoi show in fase di produzione, questo anche per quanto riguarda la terza stagione di The Orville, attesa da diversi anni dai tanti suoi fan.

Fortunatamente Tom Costantino, co-produttore dello spettacolo, attraverso i suoi canali social spesso elargisce ai suoi follower gustose news e foto dal set. Questa volta, dal suo account ufficiale di Istagram tomtheorville, il co-produttore ha voluto mostrare un’immagine di una “misteriosa” Guest Star in divisa, di cui però non ha voluto svelare il nome nonostante risulti facilmente riconoscibile.

Chi potrebbe essere secondo voi l’attore in divisa al fianco dell’Ufficiale Medico Dott.ssa Claire Finn, interpretata dalla simpatica Penny Johnson Jerald?

THE ORVILLE

The Orville 3 è prodotto dalla 20th Century Fox Television e dalla Fuzzy Door Productions. Seth MacFarlane è il produttore insieme a Brannon Braga, David A. Goodman, Jason Clark, Jon Cassar, Cherry Chevapravatdumrong, Tom Costantino e Howard Griffith. Fungono da produttori esecutivi Alana Kleiman, Andi Bushell, Dan O’Shannon e Andre Bormanis. Nel cast Seth MacFarlane, Adrianne Palicki, Penny Johnson Jerald, Scott Grimes, Peter Macon, J. Lee, Mark Jackson, Jessica Szohr, Anne Winters e Eliza Taylor.

Gli episodi della nuova stagione saranno in totale 11, meno degli episodi delle precedenti due stagioni, ma di maggiore durata. La regia è curata dai soli Seth MacFarlane e Jon Cassar.

The Orville 3 sarà trasmessa dalla piattaforma Hulu (ove disponibile), qui in Italia ancora non si hanno notizie su chi potrà ospitare lo show.


Il teaser trailer per la serie FX Y: The Last Man

E’ online da questa mattina il teaser trailer per Y: The Last Man, la serie FX basata sul fumetto firmato da Brian K. Vaughan e Pia Guerra.

Y: The Last Man è ambientato in un futuro post-apocalittico in cui tutti gli animali con cromosoma Y, appartenenti alla famiglia dei mammiferi, sono stati decimati da un evento catastrofico. Unici sopravvissuti: Un uomo di nome Yorick Brown (Ben Schnetzer) e la sua scimmia.

Eliza Clark è lo showrunner del progetto, la quale funge anche da Produttore Esecutivo insieme a Nina Jacobson, Brad Simpson, Brian K. Vaughan, Melina Matsoukas e Mari Jo Winkler-Ioffreda. Nel cast oltre al protagonista Ben Schnetzer, trovano spazio Diane Lane, Olivia Thirlby, Ashley Romans, Juliana Canfield, Marin Ireland, Ambra Tamblyn ed Elliot Fletcher.

Y: The Last Man avrà la sua premiere in USA su FX a partire dal 13 settembre prossimo, non si hanno ancora date sull’eventuale distribuzione dello show anche nel nostro paese.


Nuovo trailer per The Colony, lo sci-fi prodotto da Roland Emmerich

Online il nuovo trailer ed il poster di The Colony, lo sci-fi prodotto da Roland Emmerich conosciuto precedentemente con il titolo di Tides.

Il nuovo trailer risulta visivamente abbastanza appagante, The Colony sembra almeno scenograficamente promettere bene, facile inoltre può apparire l’accostamento del film allo sci-fi post-apocalittico del 1995 intitolato Waterworld.

Il film è ambientato in un futuro in cui la Terra è diventata inabitabile per gli esseri umani, questa la sinossi ufficiale.

“Le condizioni catastrofiche sulla Terra hanno costretto un esodo di massa verso un pianeta lontano. Generazioni dopo, una missione con equipaggio torna indietro per valutare le condizioni di vita nel mondo desolato e per lo più sommerso. L’unico sopravvissuto della spedizione viene attaccato da una violenta banda di spazzini, a loro volta impegnati in battaglia con un nemico molto più sinistro. Ora, la sopravvivenza stessa dell’umanità dipende dal coraggio e dall’ingegnosità dell’astronauta solitario”.

The Colony è stato diretto e sceneggiato da Tim Fehlbaum, già regista in Hell, altro film prodotto dallo specialista in disaster movies “Roland Emmerich“. Nel cast troviamo quali principali interpreti Nora Arnezedar e Iain Glen, completano invece il cast Sarah-Sofie Boussnina e Joel Basman.

The Colony, con il titolo di Tides, ha avuto la sua prima mondiale lo scorso marzo durante la manifestazione nota come Berlinale. Ancora non si hanno date riguardo la distribuzione del film nel nostro Paese.


Dune: un grande evento nei cinema IMAX, ad annunciarlo la Warner Bros.

La Warner Bros. ha annunciato, attraverso i suoi canali social, un grande evento per quanto riguarda l’ultima trasposizione cinematografica di Dune, il kolossal diretto da Denis Villeneuve.

L’evento, che interesserà al momento solo alcune sale IMAX statunitensi, riguarda la proiezione di nuove scene del film, accompagnate dalla colonna sonora curata da Hans Zimmer, oltre al nuovo attesissimo trailer di Dune. Al momento non sappiamo se l’evento possa essere ripetuto anche in altre parti del Mondo, compreso il nostro Paese.

DUNE

PRODUZIONE: Il film è stato prodotto da Warner Bros. Pictures e da Legendary Pictures, è l’attesissimo adattamento per il grande schermo dell’omonimo, influente romanzo di fantascienza del 1965 di Frank Herbert. Denis Villeneuve ha diretto Dune e ha scritto la sceneggiatura insieme a Jon Spaihts ed Eric Roth, basata sul romanzo omonimo scritto da Frank Herbert. Il film è prodotto da Mary Parent, Denis Villeneuve, Cale Boyter e Joe Caracciolo, Jr. I produttori esecutivi sono Tanya Lapointe, Joshua Grode, Herbert W. Gains, Jon Spaihts, Thomas Tull, Brian Herbert, Byron Merritt e Kim Herbert. CAST: Timothée Chalamet, Rebecca Ferguson, Oscar Isaac, Josh Brolin, Stellan Skarsgård, Dave Bautista, Sharon Duncan Brewster, Stephen McKinley Henderson, Zendaya, Chang Chen, David Dastmalchian, con Charlotte Rampling, Jason Momoa e Javier Bardem. DISTRIBUZIONE: Nelle sale Usa dal 22 ottobre 2021.

TRAMA: Viaggio mitico ed emozionante di un eroe, Dune narra la storia di Paul Atreides, giovane brillante e dotato di talento, nato per andare incontro a un destino più grande della sua immaginazione, che deve raggiungere il più pericoloso pianeta dell’universo per assicurare un futuro alla sua famiglia e al suo popolo. Mentre forze malvage combattono per l’esclusivo possesso della più preziosa risorsa esistente sul pianeta — una spezia capace di liberare tutte le potenzialità della mente umana — solo coloro i quali sapranno sconfiggere le proprie paure sopravviveranno.