L'attore Anthony Rapp è tornato in questi giorni a parlare delle molestie sessuali subite da Kevin Spacey, e lo ha fatto in un'intervista per la rivista britannica Attitude.

Con le sue nuove parole l'attore ha voluto motivare il suo sfogo nei confronti di Kevin Spacey, dichiarandosi incoraggiato dalle tante denunce che, negli ultimi mesi, sono state mosse nei confronti di Harvey Weinstein, affermando inoltre che la cultura del silenzio sulle molestie sessuali sta finalmente scomparendo. Ecco le sue nuove dichiarazioni:

"In questo momento, con quello che è successo, è diventato chiaro che le persone possono essere credute e che questo può avere un forte impatto. L'intero apparato che ha tenuto in silenzio la gente e che ha anche tenuto al sicuro (i colpevoli di molestie) è stato smantellato".

Rapp ha anche detto di sperare che il portare alla luce le sue esperienze possa fare in modo che altre vittime si facciano avanti. A tal proposito ricordiamo che più di 30 anni fa, ovvero quando Antony Rapp era ancora minorenne, durante una festa organizzata da Spacey, fu spinto prepotentemente dallo stesso su di un letto alla chiara ricerca di un rapporto sessuale.