Piano piano il cinema sta perdendo tutti quegli artisti che hanno lasciato un’impronta importante all’interno della settima arte: Douglas Slocombe era uno di questi.

Il celebre direttore della fotografia è morto ieri alla veneranda età di 103 anni dopo aver collaborato con alcuni dei più grandi registi della storia del cinema. Nato a Londra nel 1913, ma cresciuto in Francia fino al 1933, Slocombe iniziò la sua carriera di direttore della fotografia negli anni Quaranta passando, dal cinema classico, alla New Hollywood degli anni Sessanta e Settanta. Tra le sue collaborazioni più famose e celebri ricordiamo quelle con Steven Spielberg col quale ha lavorato nella trilogia di Indiana Jones (1981, 1984 e 1989, quest’ultima coincide col suo ultimo lavoro), ma notevoli sono i suoi lavori anche per Il servo (1963) di Joseph Losey , per Jesus Christ Superstar (1973) di Norman Jewison e per la parodia horror di Roman Polanski Per favore non mordermi sul collo (1967).

In tutta la sua carriera ricevette tre nominations agli Oscar, nel 1973 per In viaggio con la zia, nel 1978 per Giulia e nel 1981 per I predatori dell’Arca Perduta, senza mai vincere l’ambìto premio, ma ricevette tre BAFTA rispettivamente per Il servoIl grande Gatsby Giulia.