Se poco fa vi abbiamo riportato la notizia della morte dell'attore John Hurt (potete leggerla qui), la giornata prosegue tristemente con la notizia della morte dell'attrice Emmanuelle Riva avvenuta all'età di 89 anni. Da quattro anni l'attrice aveva ingaggiato una lotta contro un cancro che, nonostante tutto, non l'aveva allontanata dalle scene.

Emmanuelle Riva  - all'anagrafe Paulette Germaine Riva - viene ricordata per alcuni film che coso considerati dei cardini della cinematografia mondiale, uno su tutti Hiroshima mon amour (1959) di Alain Resnais con cui esordì sul grande schermo. Nello stesso anno, l'attrice lavorò con Gillo Pontecorvo per il film Kapò, candidato all'Oscar come miglior film straniero. Per la sua interpretazione in Il delitto di Thérèse Desqueyroux (1962) di Georges Franju, l'attrice vinse la Coppa Volpi a Venezia per la miglior interpretazione femminile.

Emmanuelle Riva lavorò anche con Marco Bellocchio in Gli occhi, la bocca (1982) e con Krzysztof Kieslowski per Tre colori - Film blu (1993), ma è con la sofferta interpretazione di Anne, una donna anziana colpita da ictus e accudita amorevolmente dal marito in Amour di Michael Haneke (2012) che l'attrice ottiene vari riconoscimenti in Europa, tra cui un César, un Bafta e un European Film Award, oltre che una meritata nomination all'Oscar.

Oltre che attrice, Emmanuelle Riva era anche un'apprezzata poetessa.