suspense film recensione
Festival Cult Classics Recensioni

37TFF – Recensione di Suspense, il film con Deborah Kerr


La retrospettiva horror di questo Torino Film Festival 2019 è molto bella e molto variegata. Oggi vi proponiamo la recensione del film Suspense, il cui titolo originale è The innocents, girato da Jack Clayton e interpretato da Deborah Kerr.

Una governante raggiunge una casa in campagna per accudire due bambini. La precedente governante e il giardiniere sono morti in circostanze misteriose. La governante inizia a convincersi che i due bambini sono posseduti dai due amanti morti.

COMMENTO

Il film di Jack Clayton, girato in uno splendido bianco e nero datato 1961, è un pilastro del cinema dell’horror. Il regista ha girato poche pellicole, tra cui Il grande Gatsby del 1974 e Qualcosa di sinistro sta per accadere. Per rendere iconica questa pellicola, il regista si è affidato all’interpretazione di Deborah Kerr, grandissima attrice che molti di voi avranno notato in Il re ed io, Narciso nero e Da qui all’eternità.

Suspense può vantare, tra gli sceneggiatori, anche la firma del grande Truman Capote. La storia è intensa e accattivante, il punto di vista è quello della governante, a tal proposito il pubblico non può avere certezze se ciò che ella vede sia reale o frutto della sua immaginazione.

L’atmosfera della pellicola è magistrale ed ha ispirato numerosi film a venire, tra cui ricordiamo The others, con Nicole Kidman, molto simile per atmosfera a questo film. L’arredamento gotico, l’ambientazione sinistra, i sussulti e i rumori fanno di Suspense un capolavoro del cinema horror.

Certo, all’occhio moderno, può apparire poco spaventoso o un po’ ingenuo ma il film di Clayton è una grande opera che deve essere omaggiata per aver anticipato i tempi. Attenzione al finale, uno dei rari casi in cui un horror degli anni ’60 finisce drammaticamente male.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.